AMPLIFICAZIONEAMPLIFICATORE MP-XP

Moderatori: Fran65, pergo, abassanelli, area51, Un_Moderatore, Pierluigi Marzullo, marco59

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

Re: AMPLIFICATORE MP-XP

#2351

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » sabato 12 gennaio 2019, 15:31

Concordo, sarebbe meglio parlarne nel 3d dei dissipatori.

Tornando al MP-XP, se usi due monoblocco laterali,
diventa molto facile completare il contenitore, come nelle foto dell'articolo

:)


Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


AlexHRider
Messaggi: 422
Iscritto il: venerdì 23 marzo 2018, 8:35
Italy

#2352

Messaggio da leggere da AlexHRider » lunedì 14 gennaio 2019, 14:48

Domandina: come alimentatore sarebbe possibile utilizzare un SMPS in luogo del toroidale?

e per i cablaggi interni si potrebbero usare cavi a conduttore singolo in luogo dei multitrefolo?

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2353

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » lunedì 14 gennaio 2019, 19:15

Ottima domanda, è certamente possibile ...

ma non ho mai avuto modo di provarlo - con molta cautela, potresti farlo tu,

naturalmente occorre una tensione duale! :D


Per cablaggi interni si possono usare cavi a conduttore singolo,
non è obbligatorio il multitrefolo, anche se permette un cablaggio più pulito

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


AlexHRider
Messaggi: 422
Iscritto il: venerdì 23 marzo 2018, 8:35
Italy

#2354

Messaggio da leggere da AlexHRider » lunedì 14 gennaio 2019, 23:53

Ok rimango sui multitrefolo :mrgreen: pensavo anche alla possibilità di utilizzare un SMPS per ogni scheda di amplificazione.. quando mi attrezzo con una buona stazione saldante inizio a prendere anche i componenti per le schede e poi chiederò aiuto passo passo per gli alimentatori facendo da cavia :mrgreen:

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2355

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » martedì 15 gennaio 2019, 7:27

Bene, siamo qui sul pezzo ! :D
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2356

Messaggio da leggere da masca64 » venerdì 18 gennaio 2019, 18:16

buonasera ragazzi e bentrovati:
siamo agli sgoccioli: ho terminato ora i cablaggi e collegato il tutto. Ho interposto dei fuse sui rami di alimentazione che, con mio stupore, risultano esser di +-63Volt continui ( a vuoto ). Chiaramente non ho ancora inserito i fuse per cui le due schede finali ancora devono andare sotto tensione; ma prima di farlo, giusto per puntualizzare: io mi aspetto che alimentare l' MPXP a +-63 volt ( un 10percento abbondante in piu ) non pregiudichi nulla, o sbaglio? ( per fortuna che i condensatori indicati con 63 v di lavoro l ho messi tutti da 100v).
Sto aspettando che asciuga la vernice del frontale chiudo tutto e do fuoco...penso inizio settimana prox...
buona serata a tutti...
ros

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2357

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » venerdì 18 gennaio 2019, 22:02

63 V vanno bene,

Fuoco alle polveri!

:D
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2358

Messaggio da leggere da masca64 » martedì 22 gennaio 2019, 14:57

eccoci....buondi
ing...abbbisogno di una serigrafia ( in pdf o altro basta che sia leggibile ) . del pcb dell MPXP, sti refdes so tutti ricoperti dal componente stesso ( suggerisco, se mi posso permettere . una nuova versione con refdes visibili una volta saldato il componente ..anche a costo di ingrandire q.b. il pcb )..

ho dato fuoco al canale sinistro ...eeeee ha preso fuoco Roma! no scherzo..
......funziona!..so di non dire per niente una bella cosa (perdono ...soprattutto a mosfetmaster )...ma...
silenziosissimo ..e devo ancora chiudere il coperchio!

c è solo una cosa che non mi torna..e devo verificare...ma poi scrivero un piccolo report qui cosicche se dovesse capitare a qualcuno..pero se potessi aver sta benedetta serigrafia.....
grazie in anticipo

e buona serata ragazzi

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2359

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » martedì 22 gennaio 2019, 17:43

Pag. 42 CHF n. 146 - non ce l'hai ?

Comunque, dove c'è elevata densità dio componenti, la sigla non si può mettere fuori, accamto :

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2360

Messaggio da leggere da masca64 » martedì 22 gennaio 2019, 18:21

no ing
no-la-tiengo...
vabè pazienza dai..rismonto le pcb dallo chassis e procedo:visto che sembrerebbe 'solo'questo l unico problema di cui soffrono attualmente queste due schede.....

dovrei aver un problema legato al fuori tolleranza delle resistenze. In sintesi:
su entrambi i canali mi ritrovo che la Iq (attraverso le R da 0.22ohm per intenderci ) all'accensione si trova a circa un ottantina di milliampere.....per poi scendere e stabilirsi attorno ai 20/30mA ..e piu su-nonostante ruoti P2 al massimo, non va ( ruotando nell'altro verso piu giu pero ci va ).

Ho misurato anche la corrente I2 (sul ramo dei driver Q9 e Q8 ) e risulta circa 18mA ( anziche 25mA come riportato nello schema ).

Inoltre, i gate dei mosfet misurano: la coppia sopra (M1 e M3 ) misura circa 3.4V ;
La misura sotto (M2 M4) circa 3.2V
Probabilmente non sono accesi bene:
voglio pertanto ricontrollare i valori delle resistenze che compongono questo ramo dei driver e le R da 120ohm poste in serie ai gate
Boh, posso anche aver commesso un errore sistematico su entrambe le schede è....e quindi niente: smonto e mi ricontrollo.

Una domanda Pierluigi: ho resettato l uscita con P1: risulta molto ballerina attorno allo zero (con poco margine a dir la verità è: 1-2mV sia in negativo che positivo ). Ma è la temperatura che produce questo balletto?
Premetto che l ingresso è in chiuso con la massa, e le misurazioni le ho effettuate sia con sia senza carico (altoparlante da 8ohm).Inoltre le tensioni di alimentazione ( ma questo lo dico per dovere di cronaca perche sono piuttosto convinto che non c entrino nulla )sono +-63V .

buona serata a tutti.


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2361

Messaggio da leggere da masca64 » martedì 22 gennaio 2019, 18:27

...sto ripensando:
o forse si? i +-63V ...congiuntamente alla I2 di 18mA posso provocare il casino? la polarizzazione inversa (Vgd) è piu forte sui finali no? congiuntamente a un pilotaggio piu basso...(18mA anziche 25mA) eccallà che la frittata è fatta...una possibile soluzione potrebbe esser:
alzare il pilotaggio sui gate....abbassando qualche valore di resistenza per alzarla questa I2...

o sbaglio? menate pure se ho detto una sciocchezza è
:-)

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2362

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » martedì 22 gennaio 2019, 18:37

masca64 ha scritto:
martedì 22 gennaio 2019, 18:21
no ing
no-la-tiengo...
vabè pazienza dai..rismonto le pcb dallo chassis e procedo:visto che sembrerebbe 'solo'questo l unico problema di cui soffrono attualmente queste due schede.....
Ahi ahii ahiiiii ! :x

Meno male che qui ci sono io ... ;)


MP-XP Layout (CHF-146 Fig.02).jpg

P.S.
Tieni presente che non è l'ultima versione della PCB,
ma le differenze sono minime (solo sui MOSFET e morsettiera)

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2363

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » martedì 22 gennaio 2019, 18:42

Il resto, va affrontato con calma ... :)

1) ti sei ricordato di collegare la LLG alla massa dello stadio finale ?
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2364

Messaggio da leggere da masca64 » martedì 22 gennaio 2019, 19:27

ovviamente: dopo un anno che ci lavoro, sarebbe da kamikaze aver fretta ora, ti pare ing?
:-)
la LLG? certochessi...anche perche di logica la penso come te: un bel centro stellone come grounding fatto bene innanzitutto: e si parte con tutto da li,curando anche le medesime lunghezze di cavi (sia alimentazioni che signal basso livello che potenza); non avrei MAI lasciato floating gli ingressi.
sfondi una porta aperta ing.

tral'altro ricordo di aver letto-forse in qualche scampoletto di queste 95 nutrite pagine- di connettere il grounding degli ingressi pena la probabile distruzione dei finali (!!) .
vabè comunque ora ho smontato il canale sx ( con molto dispiacere, mi sarebbe piaciuto accendere, una taratina e tacchete..bellepronto funzionante, ma gia avevo preventivato ulteriori perdite di tempo per qualcosa: è fisiologico no? ) cmq dicevo: schematico davanti..ee....grazie della serigrafia: ora la stampo...e domani durante la pausa pranzo ci perdo 1 po di tempo, con l impegno preso che cerchero nei limiti del possibile di risolvere da me:tanto so che se mi areno ci sarai tu a darmi manforte...
dimmi solo , per il momento , se puo entrarci qualcosa il beta di Q8 e Q9 , perche per me l inghippo è su questo ramo.
grazie ancora e b serata
ros

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2365

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » martedì 22 gennaio 2019, 23:08

Lo dico perché talvolta è successo anche a me di lasciare la massa degli ingressi libera di flottare (non intenzionalmente ;) )

e poi l'ampli faceva stranezze ... :lol:

Credo che la causa dei tuoi problemi sia piuttosto banale, probabilmente dovuta alla tolleranza dei componenti.

Di certo la Iq è più bassa di quanto stabilito, quindi la caduta di potenziale attraverso R16-P2 non è sufficiente a polarizzare i MOSFET,
infatti hai 6,6V anziché 7,6 circa (meglio che la misuri direttamente, ai capi di C5)

Quindi devi controllare il valore di R15, e la tensione ai suoi capi

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2366

Messaggio da leggere da masca64 » mercoledì 23 gennaio 2019, 14:56

arieccoci:
buondi a tutti: Pierluigi, ho risolto , diciamo cosi il problema al 80percento .
c erano sul quel ramo R15=30.2 ohm, R16=270 ohm, R18=13.6ohm
Le ho sostituite con R15=25.7ohm , R16= 261.8ohm R18=11.3ohm ( tutte all 1% )
Ora le I2 risulta esser di 22mA circa e difatti ora la Iq si regola pure bene; ora l ho settata a circa 100mA e aspetto che si riscaldi un po la creatura (ora trovo il sistema di inserisco un qualche segnale).
L unica cosa che non mitorna sono le correnti parziali; mi ritrovo una bel dislivello tra i mos sopra ( M1 e M3) e i mos sotto (M2 e M4):
i gate stanno : Le Iq sono differenti anche di un 50 percento ...
Le tensioni sui Gate risultano :

sopra Vgs= 3.75Volt e
sotto Vgs= 3.4Volt
facendo una veloce analisti dei cambiamenti , me la spiego solo cosi: non dovevo TOCCARE la R18.
Io per giunta l ho pure abbassata:

andando per logica, se voglio portare queste tensioni di Vgs molto simili, (appaiando quindi anche i relativi valori di Iq) dovrei
alzare la Vgs dei mos sotto di un dieci percento ( arrivando a circa 3.8Volt come i sopra );
diciamo che se aumento sta R18 di un 10 percento (portandola da 11.3 ohm a 12.5 e passa ohm ) dovrei aver risolto.
Sto visionando il datasheet dell IRFP240: 3.8V dovrebbero abbastare per accendere questi oggettini:
cosa ne pensi? ritieni sufficiente questa Vgs o devo alzarla ancora?
grazie dell aiuto
buon pom
ros

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2367

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » mercoledì 23 gennaio 2019, 20:01

Tranquillo, la R18 serve principalmente ad attivare il transistor di protezione Q6,
e non ha alcun effetto sul punto di lavoro.

Hai scoperto che i MOSFET hanno caratteristiche molto diverse, tra tipo N e P, e anche nell'ambito dello stesso tipo, è normale, quindi non ti devi preoccupare di queste disparità, ma solo della corrente di riposo totale, che sarà di circa 240 mA per ramo.

Se non riesci ad ottenere quella corrente A CALDO, potrai portare R16 a 330 ohm, DOPO AVERE RUOTATO A ZERO P2.

Inevitabilmente ci saranno sempre differenze di tensione sui Source, vuol dire che qualche MOSFET dissiperà di più - A RIPOSO - e qualcuno di meno;
dinamicamente fa poca differenza (ci pensa la santa retroazione)

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2368

Messaggio da leggere da masca64 » mercoledì 23 gennaio 2019, 22:21

Me ne sono accorto della R18. Ho cominciato a pensare la stessa cosa: non mi aspettavo valori identici di certo è....vero che li ho matchati sti mos e altro... ma nel pom sono giunto alla conclusione che le deviazioni dell risposte in corrente e tensione, rientrano nella normalità.
Domani quindi stesso lavoretto sul ch dx, dopodiche cambio i dissipatori dei driver (ne ho messo uno per ogni driver ma onestamente mi appare un po sottodimensionato: scaldano tanto), ultime tarature a freddo per tirare fuori sti 240mA per ramo e poi lo lascio un intero pomeriggio pompare ...
Grazie ing.
Buona serata
Ros

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2369

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » giovedì 24 gennaio 2019, 0:04

I drivers lavorano meglio con una temperatura abbastanza alta (l'ho spiegato in precedenza)

per una migliore compensazione termica dello stadio finale, 60 ÷ 70 °C di Tc vanno bene

:)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2370

Messaggio da leggere da masca64 » giovedì 24 gennaio 2019, 9:41

scusami...ma.....ora che l hai scritto ricordo di averlo letto...vero.
Dal canto mio io ti posso assicurare: queste 95 paginette l ho lette tutte è...mi sono anche segnato le varie raccomandazioni e suggerimenti...solo che vatti a ricordare ogni cosa..e poi qualcosa scappa sempre credimi.

Ci vorrebbe una persona ' di buona volontà' che 'screma' da queste 95 tutte quelle importanti, che hanno propriamente senso per portare a termine un buon lavoro ecco... :-)
ok, nel mentre che sistemo il ch dx, riaccendo il sx e metto sotto controllo la temp...se va oltre i 60 /70 cambio aletta.

Una cosa :
appurato che la Iq complessiva alla fine dovra esser = 240mA per ramo: abbiamo un po di tolleranza? ( ieri il ramo piu correntoso-che portava circa 110mA, ad accensione a freddo è schizzato a piu del doppio:240mA ,per poi nel giro di qualche minuto riportarsi di nuovo a 110mA, ma ho letto che cmq rientra nella normalità no?)

Ultima domanda riguardo la Iq:
quanto è consentito discostarsi tra le due correnti nel medesimo ramo?
ti faccio un esempio:l una puo esser anche il il 50percento dell'altra ?( tipo 160mA + 80mA) o pregiudichiamo qualcosa?
di nuovo grazie e scusa della 'prolissaggine'....
buona giornata ing a te e a tutto il forum..

ros

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2371

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » giovedì 24 gennaio 2019, 10:01

In effetti, sarebbe il caso di passare in rassegna tutto questo topic,
ed estrarre le cose più interessanti e utili, per pubblicare poi la sintesi.

Se sei tu quella persona ' di buona volontà', io ti darò volentieri una mano, quindi ti invito a cominciare ! :D

Per l'aletta dei drivers, devi capire che devono regolare non solo per un innalzamento della temperatura della scheda e aria circostante - per evitare la valanga termica dei finali,
ma anche per un abbassamento della temperatura, a fronte del quale devono AUMENTARE il bias, altrimenti aumenta drasticamente la distorsione di crossover; se la temperatura del case è già troppo bassa, la regolazione non avviene più in modo ottimale, quindi i 70°C vanno benissimo - o anche più (non succede nulla nemmeno oltre i 100°C di Tcase).

All'accensione, a freddo (molto) la corrente può anche raggiungere 500 mA e più, è normale, ma si riporta abbastanza velocemente al valore impostato;
la taratura va fatta a caldo, aspettando qualche decina di minuti tra una correzione e l'altra, meglio dopo avere solelcitato il finale con musica ad alto volume.

Come detto, i transistor con Iq più alta, partiranno con una temperatura di case un po' più alta degli altri, ma, siccome c'è adeguato margine termico,
le differenze a regime dinamico saranno irrilevanti;
se uno riesce a fare un match di Id per Vgs è meglio - ma giusto per la precisione - non ci sono effetti "dinamici" (con la musica)

:D
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


masca64
Messaggi: 106
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2016, 10:24

#2372

Messaggio da leggere da masca64 » giovedì 24 gennaio 2019, 13:43

perfetto!
grazie ancora...

che dirti ing, una mano prende e un'altra da...

ed è giusto che sia cosi;

non ti prometto nulla dai, fammi alleggerire di un po di cose che ho da fare (lavoro in primis...famiglia, spese, bambino ecc..)
poi faccio il punto della situazione e ti so dire, ma: se potro far qualcosa sarà (come si dice in questi casi ) ' a tempo perso ' ( ad avercelo: l'anno e passa che ho impiegato a metter su st'ampli la dice lunga ) e inevitabilmente non sarà un'operazione veloce.
Lo farò di sicuro con piacere , perche sara un piccolo contributo per molti ...piu o meno esperti...
ma se mai sarà occorrerà del tempo ecco...Ti dico questo per correttezza .
Quindi ci riaggiorniamo,
d'accordo?

buonagiornata
ros

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2373

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » giovedì 24 gennaio 2019, 15:20

Sicuro - per queste cose abbiamo tutti tempi marginali * - ma non ti dimenticare - ci contiamo ! :D


*) = quelli che si possono rubare alle attività improrogabili ... ;)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


tom17it
Messaggi: 214
Iscritto il: martedì 8 maggio 2012, 17:50
Località: Bari

#2374

Messaggio da leggere da tom17it » giovedì 24 gennaio 2019, 16:47

Pierluigi Marzullo ha scritto:
giovedì 24 gennaio 2019, 10:01
In effetti, sarebbe il caso di passare in rassegna tutto questo topic,
ed estrarre le cose più interessanti e utili, per pubblicare poi la sintesi.
:D
Buon pomeriggio,
se la cosa può interessare ho raccolto in pdf tutte le 94 pagina per poi eventualmente filtrare quello che serve. Per me è stato utile
Tommaso

Avatar utente

Topic author
Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 36999
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#2375

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » giovedì 24 gennaio 2019, 18:48

Ti candidi per fare un primo estratto ? :D
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Rispondi PrecedenteSuccessivo

Torna a “AMPLIFICAZIONE”