PSICOACUSTICAQuando l'impianto non è all'altezza

(Studio della psicologia della percezione acustica soggettiva dei suoni)

Moderatori: Fran65, pergo, abassanelli, Un_Moderatore, Pierluigi Marzullo, marco59

Avatar utente

Topic author
iano
Messaggi: 819
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:21
Località: genova

Quando l'impianto non è all'altezza

#1

Messaggio da leggere da iano » venerdì 31 luglio 2015, 11:49

quando manca l'altezza,in fatto di dimensioni della scena acustica,si prova il fastidio maggiore.
Non fa piacere quando mancano le altre dimensioni,ma il fastidio è minore.
Quello che penso io l'ho messo in titolo.
Anche perché l'altezza della scena sembra essere
la dimensione che meno dipende dall'ambiente.


Semplificare non è semplice,ma vale come capire.


OP AMP
Messaggi: 3358
Iscritto il: martedì 9 novembre 2010, 2:10

#2

Messaggio da leggere da OP AMP » venerdì 31 luglio 2015, 20:46

Quel che si dice "altezza del suono", altro non è che un saggiodosaggiodelle frequenze superiori. Il problema, però, è come accontentare tutti, infatti è solito acoltare davanti le casse e percepire l'altezza, ma quando si cambia stanza... (nel mio caso il bagno) iniziano i dolorini.

Curiosamente, questo post, capita a fagiolo. Ero giusto in bagno un'attimo fa e.. non ero contento di come si percepisce quel senso di altezza.
Quando sei nelle vicinanze, se il livello è quello sperato, si sente dignitosamente, ma quando ti allontani e ci sono pareti in mezzo, il suono perde moltissimo in verticalità, ma non credo sia attribuibile ai soli livelli, conta anche la fase.


RatInACage
Messaggi: 1494
Iscritto il: giovedì 14 agosto 2014, 16:20
Località: Palestrina

#3

Messaggio da leggere da RatInACage » venerdì 31 luglio 2015, 23:58

OP AMP ha scritto:Quel che si dice "altezza del suono", altro non è che un saggiodosaggiodelle frequenze superiori. Il problema, però, è come accontentare tutti, infatti è solito acoltare davanti le casse e percepire l'altezza, ma quando si cambia stanza... (nel mio caso il bagno) iniziano i dolorini.

Curiosamente, questo post, capita a fagiolo. Ero giusto in bagno un'attimo fa e.. non ero contento di come si percepisce quel senso di altezza.
Quando sei nelle vicinanze, se il livello è quello sperato, si sente dignitosamente, ma quando ti allontani e ci sono pareti in mezzo, il suono perde moltissimo in verticalità, ma non credo sia attribuibile ai soli livelli, conta anche la fase.

stai ascoltando solo il campo riverberato con un passa basso fisico nel mezzo, mi sembra normale che molti elementi vengano a mancare, non solo per l'altezza (poi in bagno, tra pareti altamente riflettenti, stile sala di riverberazione anni '50 ;) )

è anche vero che in fase di registrazione gli elementi architettonici possono venir sfruttati a proprio vantaggio in modo creativo, sapevate che l'album "Pezzi" di De Gregori è stato registrato nella sua casa nella campagna umbra, sfruttando anche il bagno, le scale tra i due piani e la cucina per alcuni passaggi? :mrgreen:
Oh my God, That's the Funky Shit!!

Aimp4 > Scarlett 2i4 > VdH D-102 mkIII > A/D/S/ PQ20 > Audio Nirvana Super 12 O.B. + Eminence Beta 15A U-Frame + Ciare PW 392 Ripole


Sandrelli
Messaggi: 2228
Iscritto il: venerdì 7 marzo 2008, 1:34
Località: BO
Belgium

#4

Messaggio da leggere da Sandrelli » sabato 1 agosto 2015, 9:59

E' semplice...per una scena "alta" ci vogliono casse "alte" (a torre) :mrgreen:


RatInACage
Messaggi: 1494
Iscritto il: giovedì 14 agosto 2014, 16:20
Località: Palestrina

#5

Messaggio da leggere da RatInACage » sabato 1 agosto 2015, 10:08

Sandrelli ha scritto:E' semplice...per una scena "alta" ci vogliono casse "alte" (a torre) :mrgreen:
...pennelli cinghiale!!! :mrgreen:
Oh my God, That's the Funky Shit!!

Aimp4 > Scarlett 2i4 > VdH D-102 mkIII > A/D/S/ PQ20 > Audio Nirvana Super 12 O.B. + Eminence Beta 15A U-Frame + Ciare PW 392 Ripole


OP AMP
Messaggi: 3358
Iscritto il: martedì 9 novembre 2010, 2:10

#6

Messaggio da leggere da OP AMP » sabato 1 agosto 2015, 11:10

RatInACage ha scritto:
Sandrelli ha scritto:E' semplice...per una scena "alta" ci vogliono casse "alte" (a torre) :mrgreen:
...pennelli cinghiale!!! :mrgreen:
Si, e la super ca__ola prematurata, alla antani. :lol:

Avatar utente

Topic author
iano
Messaggi: 819
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:21
Località: genova

#7

Messaggio da leggere da iano » sabato 1 agosto 2015, 13:59

OP AMP ha scritto:Quel che si dice "altezza del suono", altro non è che un saggiodosaggiodelle frequenze superiori. Il problema, però, è come accontentare tutti, infatti è solito acoltare davanti le casse e percepire l'altezza, ma quando si cambia stanza... (nel mio caso il bagno) iniziano i dolorini.

Curiosamente, questo post, capita a fagiolo. Ero giusto in bagno un'attimo fa e.. non ero contento di come si percepisce quel senso di altezza.
Quando sei nelle vicinanze, se il livello è quello sperato, si sente dignitosamente, ma quando ti allontani e ci sono pareti in mezzo, il suono perde moltissimo in verticalità, ma non credo sia attribuibile ai soli livelli, conta anche la fase.
Normalmente però si sente parlare di impianti,più che di registrazioni che propongono una scena bassa.
In questa vulgata potrebbe starci dentro almeno una mezza verità.
la mia impressione pi è che,anche quando uno trascurasse la scena nel progetto di una cassa,proprio come dichiara Diego Nardi,quando il progetto inizia diffondere musica in modo soddisfacente,statisticamente segue a ruota una buona scena.
Allora si potrebbe sospettare che l'ottenimento di una buona scena possa essere una malizia,una delle tante,per portare a buon fine il progetto.
Posso usare la torre,è vero,per alzare la scena,ma poi devo tenere le orecchie all'altezza della torre.
Posso allargare la scena allargando la distanza fra le casse,finchè non spunta un buco,ma poi la scena rimane fra le casse.
posso giocare con la profondità della scena spostando le casse rispetto alla pareti di fondo,ma questo di solito non influisce sulla separazione dei piani sonori.
Detto tutto ciò nei limiti della mia esperienza.
Fatto sta che nella mancanza dell'altezza sta il maggior disagio,cosa che a priori non è affermabile.
le prove nella stanza accanto servono,ma forse più per verificare se si mantiene ancora un senso di veridicità,essendo che con la musica live ciò succede,e la valutazione della scena è solo uno dei parametri da valutare in tal senso.
Semplificare non è semplice,ma vale come capire.


OP AMP
Messaggi: 3358
Iscritto il: martedì 9 novembre 2010, 2:10

#8

Messaggio da leggere da OP AMP » sabato 1 agosto 2015, 15:06

iano ha scritto: Normalmente però si sente parlare di impianti,più che di registrazioni che propongono una scena bassa.
In questa vulgata potrebbe starci dentro almeno una mezza verità.
la mia impressione pi è che,anche quando uno trascurasse la scena nel progetto di una cassa,proprio come dichiara Diego Nardi,quando il progetto inizia diffondere musica in modo soddisfacente,statisticamente segue a ruota una buona scena.
Allora si potrebbe sospettare che l'ottenimento di una buona scena possa essere una malizia,una delle tante,per portare a buon fine il progetto.
Posso usare la torre,è vero,per alzare la scena,ma poi devo tenere le orecchie all'altezza della torre.
Posso allargare la scena allargando la distanza fra le casse,finchè non spunta un buco,ma poi la scena rimane fra le casse.
posso giocare con la profondità della scena spostando le casse rispetto alla pareti di fondo,ma questo di solito non influisce sulla separazione dei piani sonori.
Detto tutto ciò nei limiti della mia esperienza.
Fatto sta che nella mancanza dell'altezza sta il maggior disagio,cosa che a priori non è affermabile.
le prove nella stanza accanto servono,ma forse più per verificare se si mantiene ancora un senso di veridicità,essendo che con la musica live ciò succede,e la valutazione della scena è solo uno dei parametri da valutare in tal senso.
Io i tweeter li tengo ad una altezza di circa 130 cm, ma non è di questo che parlo, perchè quando ascolto (osservo) dal bagno mi accorgo spesso se gli acuti non hanno la giusta potenza. Detta in altro modo, dal bagno verifico l'altezza del suono, e se non mi soddisfa correggo con modifiche quasi impercettibili ma che sono realmente in grado di fare la differenza. Sempre di playback parliamo.

PS: non ho menzionato "i piani sonori e la scena" perchè sono definizioni assolutamente sbagliate. Per poter parlare in questi termini bisognerebbe disporre di un sistema almeno quadrifonico e che il software sia pensato in questa prospettiva.


RatInACage
Messaggi: 1494
Iscritto il: giovedì 14 agosto 2014, 16:20
Località: Palestrina

#9

Messaggio da leggere da RatInACage » sabato 1 agosto 2015, 15:21

l'altezza della scena sonora si può valutare solamente in ascolto stereofonico, stando al vertice del triangolo.. come ci si allontana la provenienza del suono la percepisci da dove sono posti i diffusori.. non ha più senso parlare di altezza..

le regolazioni le fai dal bagno?? :Azzz!:
Oh my God, That's the Funky Shit!!

Aimp4 > Scarlett 2i4 > VdH D-102 mkIII > A/D/S/ PQ20 > Audio Nirvana Super 12 O.B. + Eminence Beta 15A U-Frame + Ciare PW 392 Ripole


OP AMP
Messaggi: 3358
Iscritto il: martedì 9 novembre 2010, 2:10

#10

Messaggio da leggere da OP AMP » sabato 1 agosto 2015, 15:39

RatInACage ha scritto:l'altezza della scena sonora si può valutare solamente in ascolto stereofonico, stando al vertice del triangolo.. come ci si allontana la provenienza del suono la percepisci da dove sono posti i diffusori.. non ha più senso parlare di altezza..

le regolazioni le fai dal bagno?? :Azzz!:
No, dal ripostiglio con porta chiusa. :lol:

Forse ho difficoltà a spiegarmi, il concetto che vorrei far capire è ben diverso: alti potenti sono nulla senza una giusta fase, anzi danno pure molto fastidio. Se la fase è quella giusta (ogni ambiente è un caso a sè), allora si può sentire coerentemente anche dal bagno, ma potrebbe essere anche una cucina, uno sgabuzzino, ecc...

Ah, dimenticavo i livelli.. altra cosa importantissima. Non vorrai mica saturare il Dac ?!

Avatar utente

Topic author
iano
Messaggi: 819
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:21
Località: genova

#11

Messaggio da leggere da iano » domenica 2 agosto 2015, 0:50

RatInACage ha scritto:l'altezza della scena sonora si può valutare solamente in ascolto stereofonico, stando al vertice del triangolo.. come ci si allontana la provenienza del suono la percepisci da dove sono posti i diffusori.. non ha più senso parlare di altezza..

le regolazioni le fai dal bagno?? :Azzz!:
Non puoi,o non è corretto farlo?
Alcuni dicono che una buona scena si può avere anche in mono,magari non proprio in larghezza.
Magari non proprio ascoltando un 78 giri :o
Semplificare non è semplice,ma vale come capire.


RatInACage
Messaggi: 1494
Iscritto il: giovedì 14 agosto 2014, 16:20
Località: Palestrina

#12

Messaggio da leggere da RatInACage » domenica 2 agosto 2015, 11:34

iano ha scritto:
RatInACage ha scritto:l'altezza della scena sonora si può valutare solamente in ascolto stereofonico, stando al vertice del triangolo.. come ci si allontana la provenienza del suono la percepisci da dove sono posti i diffusori.. non ha più senso parlare di altezza..

le regolazioni le fai dal bagno?? :Azzz!:
Non puoi,o non è corretto farlo?
Alcuni dicono che una buona scena si può avere anche in mono,magari non proprio in larghezza.
Magari non proprio ascoltando un 78 giri :o

ma solamente in un diffusore a più vie, magari da 3 in su.. diversamente con un largabanda il suono lo localizzi esattamente al centro del diffusore
Oh my God, That's the Funky Shit!!

Aimp4 > Scarlett 2i4 > VdH D-102 mkIII > A/D/S/ PQ20 > Audio Nirvana Super 12 O.B. + Eminence Beta 15A U-Frame + Ciare PW 392 Ripole

Avatar utente

Topic author
iano
Messaggi: 819
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:21
Località: genova

#13

Messaggio da leggere da iano » domenica 2 agosto 2015, 15:22

RatInACage ha scritto:
ma solamente in un diffusore a più vie, magari da 3 in su.. diversamente con un largabanda il suono lo localizzi esattamente al centro del diffusore
quindi la percezione del l'altezza dipenderebbe dall estensione della gamma.
O magari dalla dispersione angolare,cosa in cui un Monrovia non eccelle.
Semplificare non è semplice,ma vale come capire.


RatInACage
Messaggi: 1494
Iscritto il: giovedì 14 agosto 2014, 16:20
Località: Palestrina

#14

Messaggio da leggere da RatInACage » domenica 2 agosto 2015, 15:35

no, intendevo in un ascolto mono
Oh my God, That's the Funky Shit!!

Aimp4 > Scarlett 2i4 > VdH D-102 mkIII > A/D/S/ PQ20 > Audio Nirvana Super 12 O.B. + Eminence Beta 15A U-Frame + Ciare PW 392 Ripole


OP AMP
Messaggi: 3358
Iscritto il: martedì 9 novembre 2010, 2:10

#15

Messaggio da leggere da OP AMP » domenica 2 agosto 2015, 15:39

iano ha scritto: quindi la percezione del l'altezza dipenderebbe dall estensione della gamma.
O magari dalla dispersione angolare,cosa in cui un Monrovia non eccelle.
Dipende dall'estensione della gamma alta, ma non è solo un problema di potenza, dipende anche da come il tweeter in esame è realmente in grado di mantenere una fase il più possibile vicino agli 0 gradi. Quindi, il tweeter, deve essere in gradi di riprodurre molto più dei canonici 20khz, ma la qualità costa (costava).

Ma ci sono stratagemmi per ovviare a questi problemi, tuttavia comportano una spesa aggiuntiva e non sono soluzioni pratiche per l'utente medio, e si tratta solo di software.

Figuriamoci i monovia..

Avatar utente

Topic author
iano
Messaggi: 819
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:21
Località: genova

#16

Messaggio da leggere da iano » domenica 2 agosto 2015, 22:54

.
Ultima modifica di iano il domenica 2 agosto 2015, 23:02, modificato 1 volta in totale.
Semplificare non è semplice,ma vale come capire.

Avatar utente

Topic author
iano
Messaggi: 819
Iscritto il: mercoledì 7 gennaio 2009, 23:21
Località: genova

#17

Messaggio da leggere da iano » domenica 2 agosto 2015, 23:00

OP AMP ha scritto:
Dipende dall'estensione della gamma alta, ma non è solo un problema di potenza, dipende anche da come il tweeter in esame è realmente in grado di mantenere una fase il più possibile vicino agli 0 gradi. Quindi, il tweeter, deve essere in gradi di riprodurre molto più dei canonici 20khz, ma la qualità costa (costava).

Ma ci sono stratagemmi per ovviare a questi problemi, tuttavia comportano una spesa aggiuntiva e non sono soluzioni pratiche per l'utente medio, e si tratta solo di software.

Figuriamoci i monovia..
Che ci piaccia o no il futuro dell'hifi è nell'implementazione di queste soluzioni in un modo sempre meno trasparente per noi.
Sul versante della percezione uditiva prepariamoci invece a sentirne delle belle.
Lettura consigliata "Lo straordinario potere dei sensi"-Lawrence D Rosenblum.-Bollati Boringhieri-
Dove si dice che molti dei limiti che c'è sembrato finora ragionevole porre al nostro senso dell'udito,derivano dal fatto che,diversamente che per altri sensi,come la vista,non tutte le sensazioni uditive salgono al livello della coscienza.
Il nostro cervello però a nostra insaputa ne prende atto,facendo invidia alle più sofisticate apparecchiature dei fonici, e mette in atto opportune reazioni,anche se queste sono più orientate a farci interagire utilmente col mondo circostante,salvandoci spesso la vita.
E anche se il potere finora a noi sconosciuto del senso dell'udito non è indirizzato all'ascolto di musica riprodotta,nondimeno dovrebbe interessarci non poco.
Anche perchè queste nuove conoscenze,come detto, saranno sempre più implementate nelle registrazioni audio,e già hanno guidato la costruzione dei più recenti auditorium.
Tutto questo ed altre meraviglie sul libro consigliato.
Lettura utile,dove si parla di scienza,ma molto leggibile e gustoso.
Ne sentirete delle belle.
Semplificare non è semplice,ma vale come capire.

Rispondi PrecedenteSuccessivo

Torna a “PSICOACUSTICA”