SORGENTI ANALOGICHEAkai gx 77 caricamento nastro bloccato

Moderatori: Fran65, pergo, abassanelli, Un_Moderatore, Pierluigi Marzullo, marco59


Topic author
gserpentino
Messaggi: 823
Iscritto il: domenica 18 novembre 2007, 12:16

Akai gx 77 caricamento nastro bloccato

#1

Messaggio da leggere da gserpentino » giovedì 26 ottobre 2017, 16:16

Ciao a tutti,
stavo usando l'Akai gx 77 quando la puileggia di caricamento, dopo essere scesa in basso, non ha piu' dato segni di vita.
Ho smontato la scheda di controllo e ho trovato un corto in un transistor tra base ed emettitore.
Era saltato anche un fusibile.
Il transistor saltato è un 2SB605.
Vorrei sostiruirlo con un 2SA1705S.

E' corretta la mia scelta?

grazie e ciao
gabriele



Avatar utente

Piercarlo
Messaggi: 4695
Iscritto il: sabato 15 marzo 2008, 20:37
Località: Milano
Contatta:
Italy

#2

Messaggio da leggere da Piercarlo » venerdì 27 ottobre 2017, 15:20

SB ed SA sono di polarità opposta, quindi non sono buoni a sostiituirsi a vicenda. Lo stesso vale per SC ed SD
http://piercarlo-audioelettronica.blogspot.it - Il blog (ormai ufficialmente in disarmo) è stato solo un passatempo senza impegni, da fruirsi a titolo divulgativo e senza pretese.

TUTTORA IN CERCA DI IMPIEGO

Avatar utente

Piercarlo
Messaggi: 4695
Iscritto il: sabato 15 marzo 2008, 20:37
Località: Milano
Contatta:
Italy

#3

Messaggio da leggere da Piercarlo » venerdì 27 ottobre 2017, 15:34

Rettifico: 2SA ok con 2SB – Prima ho detto una fesseria "magnum", mi spiace. Poi per i due tipi basta cercare un po' in rete e controllare che vadano d'accordo massima VCE, massima IC, Beta tipico e dissipazione. I datasheet indicano che, contenitore a parte, sono transistori molto simili. Io non mi farei problemi ma andrei a verificare cosa li ha "tirati sotto".
http://piercarlo-audioelettronica.blogspot.it - Il blog (ormai ufficialmente in disarmo) è stato solo un passatempo senza impegni, da fruirsi a titolo divulgativo e senza pretese.

TUTTORA IN CERCA DI IMPIEGO


Topic author
gserpentino
Messaggi: 823
Iscritto il: domenica 18 novembre 2007, 12:16

#4

Messaggio da leggere da gserpentino » venerdì 27 ottobre 2017, 20:08

Io mi sono fatto l'idea che il registratore era progettato per la 220V
Ora la tensione nominale delle utenze, almeno qui a casa mia è un po' piu' alta.
Circa 226V
Nel momento dell'utilizzo stavo dando una pulita e ho fatto fare un po' di volte su e giu' alla puleggia di
caricamento di file.
Secondo me non ha retto il transistor.
Il resto della componentistica nei dintorni sembra a posto.
Nessuna altro transistor in corto.
Il circuito dovrebbe uscire con 36 volt da inviare allo elettroattivatore.
Verificherò che la tensione in uscita sia corretta prina di collegare il tutto.
Il transistor equivalente che ho indicato tra l'altro regge 1A di corrente max, quello originale 0.7A.
Quindi sarebbe un po' meglio.
Anche se da schema elettrico dovrebbe lavorare tranquillo tranquillo.
Bho vedremo.
Comunque è un casino, c'è una matassa di fili impressionante in sti cosi giapponesi.

gabriele

Avatar utente

Piercarlo
Messaggi: 4695
Iscritto il: sabato 15 marzo 2008, 20:37
Località: Milano
Contatta:
Italy

#5

Messaggio da leggere da Piercarlo » sabato 28 ottobre 2017, 20:31

Attento che il motivo della dipartita può dipendere anche da un meccanismo magnetico rimasto a metà corsa. Controlla che tutto scorra bene dal punto di vista meccanico prima di riavviare il tutto.
http://piercarlo-audioelettronica.blogspot.it - Il blog (ormai ufficialmente in disarmo) è stato solo un passatempo senza impegni, da fruirsi a titolo divulgativo e senza pretese.

TUTTORA IN CERCA DI IMPIEGO

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 37002
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#6

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » sabato 28 ottobre 2017, 23:53

gserpentino ha scritto:
venerdì 27 ottobre 2017, 20:08
Io mi sono fatto l'idea che il registratore era progettato per la 220V
Ora la tensione nominale delle utenze, almeno qui a casa mia è un po' piu' alta.
Circa 226V
Stai tranquillo, non è certo saltato per via dei 226V ... :)

(Controlla piuttosto che la DC in uscita sia giusta)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Topic author
gserpentino
Messaggi: 823
Iscritto il: domenica 18 novembre 2007, 12:16

#7

Messaggio da leggere da gserpentino » domenica 29 ottobre 2017, 12:27

Ho controllato e ho circa 2 volt in più rispetto allo schema. Quindi sembra a posto. Cose bloccate non mi sembra che ce ne siano. Ho trovato il transistor originale da un rivenditore vicino casa. Conviene che metto una lampadina da 100 w in serie alla 230 v prima dell'accensione?

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 37002
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#8

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » domenica 29 ottobre 2017, 15:09

Direi proprio di no ... :)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)


Topic author
gserpentino
Messaggi: 823
Iscritto il: domenica 18 novembre 2007, 12:16

#9

Messaggio da leggere da gserpentino » sabato 4 novembre 2017, 8:53

Ho trovato il transistor originale in un fondo di magazzino.
L'ho saldato al posto di quello in corto e il tutto si è rimesso a funzionare.
Bah, non mi spiego come possa essere successo.
Il transistor era in corto ed era saltato anche il fusibile.
gabriele

Avatar utente

Pierluigi Marzullo
Moderatore
Messaggi: 37002
Iscritto il: lunedì 20 agosto 2007, 19:54
Italy

#10

Messaggio da leggere da Pierluigi Marzullo » sabato 4 novembre 2017, 11:53

Incrocia le dita,
e se si dovesse ripetere, cercheremo la causa ! ;)
Pierluigi Marzullo

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem (William of Ockham)

Rispondi PrecedenteSuccessivo

Torna a “SORGENTI ANALOGICHE”